Comunicazione


Interporto Padova Spa in sintesi

Interporto Padova è un’azienda leader a livello nazionale nell’infrastrutturazione, sviluppo e gestione di piattaforme logistico intermodali per il trasporto merci.
E’ situata in una zona centrale di vie di comunicazioni stradali e ferroviarie nevralgiche per il Veneto ed il Nord-Est. Questa localizzazione è uno dei fattori vincenti per Interporto Padova.
Nata nel 1973, la struttura oggi è considerata un perfetto connubio fra spazi e servizi avanzati per aziende di autotrasporto e logistica di tutte le dimensioni e un sofisticato “cuore intermodale” di più di 400.000 mq in grado di “convertire” traffico merci su mezzi pesanti in efficiente traffico ferroviario.
L’area fondiaria di proprietà di Interporto è di circa 1,1 milioni di mq, comprendenti magazzini, terminal ferroviari, piazzali ed uffici.
Ogni giorno partono e arrivano da Interporto circa venti treni merci completi che a cadenza regolare collegano i principali porti nazionali ed europei (Genova, La Spezia, Livorno, Trieste, Capodistria, Rotterdam, Bari, Londra, ecc..). Le merci arrivano stivate nei container dai grandi bacini produttivi del Veneto, del FVG, del Trentino e del Nord Est dell’Emilia e sono destinate ai mercati mondiali. L’area terminalistica-ferroviaria è gestita con software applicativi proprietari sviluppati secondo i più moderni algoritmi presenti nella migliore portualità internazionale. Potenti gru semoventi di proprietà di Interporto Padova si occupano del passaggio dei container dal camion al treno per la destinazione finale.
Il traffico 2015 ha toccato i 274.932 TEU (unità di misura internazionale pari a un container da 20 piedi – circa 6m), con un incremento dell’1,86% rispetto al 2014 (erano 269.918). Dal punto di vista ambientale equivale ad aver tolto dalle strade per le medie e lunghe percorrenze più di 200.000 mezzi pesanti.
Per sviluppare ulteriormente le attività intermodali, Interporto Padova ha avviato l’installazione nel proprio terminal di 4 gru elettriche a portale (RGM) che raddoppieranno la capacità di movimentazione dei container, permetteranno l’attivazione di nuove relazioni grazie alla possibilità di trasferire agevolmente i container tra treni affiancati (i contenitori potranno così “cambiare treno” come i viaggiatori sfruttano le coincidenze nel traffico passeggeri) e consentiranno significativi risparmi anche sul fronte ambientale, grazie alla sostituzione delle gru gommate a gasolio. L’investimento complessivo, comprendente anche la realizzazione di un nuovo accesso stradale ad est del Terminal e i software di gestione è di circa 18 milioni di euro, con un cofinanziamento di 3,396 milioni di euro da parte dell’Unione Europea, tramite il programma “CEF- Connecting Europe Facility”, nell’ambito dello sviluppo dei corridoi strategici di trasporto europei (TEN-T). L’installazione delle 4 gru elettriche sarà completata per la fine del 2017.
Dal 2012 Interporto è diventato anche MTO (Multimodal Transport Operator) cioè un’impresa che acquista collegamenti ferroviari regolari dalle società ferroviarie verso alcune destinazioni, con la finalità di rivendere alle aziende il trasporto attraverso l’utilizzo di casse mobili, semirimorchi o container che viaggiano su treno.
Tutta l’area interportuale è cablata a fibra ottica per connessioni ad altissima velocità (rete di proprietà della So ietà Interporto Padova). I piazzali ed i magazzini logistici (270.000 mq netti di magazzini coperti in proprietà) sono connessi al nodo situato nel centro direzionale interporto, sono video sorvegliati e gli accessi nevralgici sono controllati da gate di accesso secondo gli standard “telepass autostradale” (in gestione privata).
Interporto gestisce per conto degli operatori la distribuzione in città con mezzi ecologici (a metano), Cityporto, un servizio considerato a livello europeo come esempio di logistica urbana sostenibile, attivo dal 2004. Il sofisticato sistema di tracciamenti dei colli viene messo a disposizione anche dei piccoli operatori che, date le loro dimensioni, non sarebbero in grado di sviluppare tali sistemi integrati.
Nel 2015 Cityporto ha superato la cifra record delle 100.000 consegne, per la precisione 100.521, grazie anche all’avvio dall’aprile dello scorso anno, del servizio di consegna giornaliera anche di merce deperibile (ortofrutta, carne, pesce, latticini e surgelati) a supermarket di prossimità del Gruppo PAM Panorama in Piazza della Frutta, Via Altinate e Portello, tutti in zone a traffico limitato. Il food, rappresenta oggi circa l’8%, in termini di peso delle merci trasportate. I risultati raggiunti da Cityporto significano concretamente una diminuzione del numero di mezzi in centro con minori emissioni di PM10 e anidride carbonica grazie alle migliaia di km in meno percorsi ogni giorno in città.
Ultimo aspetto del grande impegno per favorire il trasporto merci con attenzione alla sostenibilità ambientale è costituito dall’installazione sui tetti dei magazzini esistenti di uno dei maggiori impianti fotovoltaici italiani, con una produzione di più di 12 MW.  L’equivalente annuo del consumo di 4000 famiglie.

Scarica brochure illustrativa Interporto Padova
Scarica presentazione di Interporto Padova
Scarica presentazione di Cityporto

Iscrizione alla newsletter

   * Email:
   * Azienda:
   * Cognome:
   * Nome:

Email marketing by Interspire

Gallery

Per scaricare le immagini seguire i seguenti step:
1. Fare click sull’immagine di proprio interesse
2. Selezionare “Scarica”
3. Click con il tasto dentro in un punto qualsiasi dell’immagine
4. Scegliere l’opzione “Salva immagine con nome”

Immagini Open Factory 29/11/2015

Per scaricare le immagini seguire i seguenti step:
1. Fare click sull’immagine di proprio interesse
2. Selezionare “Scarica”
3. Click con il tasto dentro in un punto qualsiasi dell’immagine
4. Scegliere l’opzione “Salva immagine con nome”

Intervista al Presidente Giordani Open Factory 29/11/2015

Video intervista al Presidente di Interporto Padova S.p.A. Sergio Giordani riguardante l’evento Open Factory del 29 Novembre 2015